Elvio Rocchi Meditazioni Palermo

Non è mai facile descrivere noi stessi.

Ciò nonostante, è importante farlo, soprattutto per te, caro amico e cara amica, per te che arrivando qui, non “per caso”, vuoi scoprire qualcosa in più su di me.

Partirei, dunque, da ciò di cui mi occupo.

Qui su Spiragli di Luce, mi occupo di 4 aree principali, che sono: l’Astrologia Evolutiva, le Costellazioni Familiari, lo Sciamanesimo e il Reiki.

Divulgo questi nobili percorsi attraverso la scrittura, i video e i nostri corsi e seguo i membri delle nostra community nel loro percorso di evoluzione personale, proprio attraverso questi strumenti.

Bene, questa prima parte è finita e, adesso, facciamo un bel passo indietro.

Il mio nome è Elvio.

Ebbene sì! I miei genitori hanno scelto per me un nome a dir poco particolare che, fin da piccolo, mi ha fatto intuire che – in un modo o nell’altro – avrei dovuto fare i conti con quella parolina magica – non sempre facile da “accettare” – che chiamiamo originalità.

Ho creato Spiragli di Luce, nel 2014, per condividere il mio percorso col prossimo, e ispirare chi è interessato a trasformare la sua vita a ritrovare e migliorare se stesso.

Ma, aspetta, prima di Spiragli di Luce è accaduto qualcosa d’altro.

Nel 2013 sono partito per la Colombia per stare un mese.

E sono rimasto un anno.

È stato là che ho conosciuto e praticato lo Sciamanesimo

Sono tornato in Italia – giusto il tempo di creare Spiragli di Luce poi sono ripartito e sono rimasto in sud America ancora un altro anno.

Oltre oceano mi sono dedicato a tempo pieno alla mia ricerca spirituale e alla musica; ho suonato in varie città colombiane, anche in prestigiosi teatri con uno spettacolo musicale in cui raccontavo musicalmente e narrativamente la musica popolare e d’autore italiana.

Sì, la musica è sempre stata la mia compagna, dall’età di 9 anni in poi.

Prima passione e poi, a un certo punto, e quasi senza che me ne rendessi conto, è diventata la mia professione.

“Aspetta, Elvio, mi sto perdendo: ti occupi di Spiritualità…e sei…Musicista?

Eh sì, ci sono persone che si focalizzano su una sola passione, e altre che sviluppano una visione “multi-focale” del fiore della vita e dei suoi bellissimi petali.

Ho sempre fatto parte di questa seconda categoria.

Infatti, e forse ora ti confonderò ancora di più, sono laureato in ingegneria gestionale.

Proprio così. Dopo le superior, ho fatto in tempo a lasciare la musica, diventare ingegnere, pentirmi della mia scelta, riprendere con la musica mentre lavoravo come consulente aziendale e, infine, tornare alla musica.

Ed è stato proprio questo processo di crisi, che – a dispetto della mia prolissità, ti ho riassunto in due righe (?) – a far accendere in me la scintilla spirituale.

Si è accesa tramite una serie di vissuti, che mi hanno a pormi una serie di domande, dunque a cercare risposte.

Prima le ho cercate nei libri, poi nello yoga, poi nella meditazione, poi nelle arti marziali, poi viaggiando e passando tanto tempo lontano da casa ma, soprattutto, lontano da quella versione di me che ancora non credeva nel proprio valore.

Sì, in sud America, passo dopo passo, incontro dopo incontro, prova dopo prova, e successo dopo successo, ho visto i primi Spiragli di Luce e ho imparato ad amarmi.

Ecco perché ho chiamato così questo progetto ?

Adesso sono qui, per tutti voi, e anche per te. Per aiutarti a comprendere chi sei per davvero, a superare i tuoi blocchi e scavalcare le barriere delle tue zone di comfort.

Una delle strade per farlo si chiama Interpretazione evolutiva del Tema Natale e, se non ne hai mai sentito parlare, ti lascio il link alla pagina di presentazione:

L’infanzia, la Musica, la Natura

Se prima abbiamo fatto un passo indietro, adesso facciamo un passo gigante indietro.

Vieni con me, all’inizio del 1900.

I miei bisnonni, allora, abitavano in una grande casa in mezzo alla Natura. Quel luogo veniva chiamato in un modo molto semplice: “La Valle”.

Vivevano lì, con i loro figli – tra cui mia nonnaautoproducendo tutto ciò di cui avevano bisogno.

La casa nella valle fu abbandonata tanti anni fa, ma evidentemente una parte di quell’amore non ha mai smesso di vivere in me. Ed ecco che, adesso, mi ritrovo a non poter fare a meno di stare a contatto con la natura.

Non sono certo in grado di “autoprodurre” tutto ciò che mi serve, ma da alcuni anni ho un orto e sto studiando metodi per fertilizzare la terra in modo naturale e recuperare terreni degradati.

E dire che, da bambino, odiavo il lavoro nei campi!!!

Evidentemente, crescendo, qualcosa deve essere cambiato. In particolare, proprio in Colombia,

Nel 2015, infatti, mentre mi trovavo in Colombia, mi iscrivo a un corso di Permacultura. Se vuoi dare un’occhiata, ne parlo in questo Spiraglio.

Un mondo migliore è possibile? Claro que si!

amo la Natura e sono fortemente convinto che l’essere umano sia chiamato a fare scelte sostenibili e a modificare con Amore, ma anche con disciplina, le proprie abitudini che danneggiano il pianeta in cui viviamo…

E poi?

Poi, come ti anticipavo, c’è la musica.

Ho iniziato a suonare da bambino. A 14 anni ho scritto la mia prima canzone. A 19, invece, ho inseguito il “mito” del “lavoro sicuro” e mi sono iscritto a Ingegneria.

Ho trovato lavoro prima ancora della laurea, ma la mia strada non era quella: ogni nuovo giorno, la mattina, mi svegliavo con la sensazione che la vita mi sfuggisse via dalle mani.

Poi, per fortuna, la crisi divenne insopportabile e decisi – finalmente – di fare ciò che avevo sempre sognato: il musicista.

Ho fatto centinaia di concerti, soprattutto in Italia, ma anche in Spagna e in Colombia; la maggior parte con un progetto chiamato Mille Papaveri Rossi e, se vuoi vedere cosa facevamo, e come, ecco qui un video:

La musica mi dava (e mi dà) tantissime soddisfazioni. La vita era più appagante di prima, eppure, mancava ancora qualcosa. Ed è stato così che ho imboccato…

…il sentiero spirituale

Non mi dire che sei tu sotto la cascata!

Si, sono io. Solo che, per arrivare a quel momento, dobbiamo fare un passo indietro.

Tutto iniziò nel 2008, quando lessi “La danza della realtà” di A. Jodorowsky. Spiritualitàviaggio si mescolarono quel giorno, su un aereo, mentre volavo verso Barcellona. Rapito dalle parole che stavo leggendo, finii quel libro in una notte.

E fu cosi che divenni assetato di risposte.

Così, un passo dopo l’altro, errore dopo errore, scoperta dopo scoperta, nel 2013 salii su un aereo diretto a Bogotà e, come ti dicevo all’inizio, non tornai che dopo un anno.

Ma il me stesso che tornò a casa era profondamente diverso da quello che era partito! ?

In quel periodo accaddero, uno dopo l’altro, eventi meravigliosi: lavorai barista, musicista, insegnante di meditazione, orchestrale e mi ritrovai persino a recitare in una delle celebri “telenovelas” colombiane.

Ma ti farò anche un veloce esempio di quello che accadde…

…sognavo di fare un concerto in un teatro. Chiesi informazioni ma mi fu detto che la programmazione veniva fatta con largo anticipo e non c’era spazio…

…ma un giorno, mentre facevo le prove, proprio nella hall dell’ostello in cui lavoravo, si avvicinò un signore. Disse di essere il direttore del Teatro Tecal, proprio quello in cui ambivo a suonare. E fu così che…

Oggi metto a disposizione le mie conoscenze e la mia esperienza per supportare chi vuole riconoscere i propri talenti. Come? Attraverso un percorso di consulti individuali. Scoprili qui sotto:

Arriva il 2014. È il momento di…

tornare in Italia!

E così è nato Spiragli di Luce.

Nello stesso periodo, insieme alla mia famiglia, abbiamo aperto un Eco B&B, un luogo pensato per offrire un soggiorno a basso impatto ambientale ai nostri ospiti. È proprio lì che ho realizzato il primo orto sinergico di cui ho poi parlato anche qui sul blog

Leggi anche: “Oggi vi presento il mio orto sinergico!”

Il primo seminario lo tenni poco dopo: Maggio 2014, a Bologna.

Quel pomeriggio, finalmente, sentii che avevo trovato il famoso “tassello mancante” che da tanto stavo cercando…

…condividere, con un lavoro di gruppo, i principi e le Leggi Spirituali, che ci possono guidare verso la migliore versione di noi stessi

Giunse poi il 2016, anno in cui tornai in Colombia

Lui è Juan Camilo Medina, scrittore e sciamano, autore di un bellissimo libro incentrato sulla tematica del Yagé o Ayahuasca

(se vuoi saperne di più ne parlo in questo spiraglio).

Fu insieme a lui, ed anche alla mia compagna, colombiana, che ebbi la mia iniziazione al mondo delle culture ancestrali dei nativi dell’America Latina.

Ma il secondo anno in Colombia fu anche l’occasione per far conoscere la mia musica oltreoceano…

Poi partii per un viaggio nel viaggio.

Comprai una moto e partii. 4.000 km da solo, spingendomi fino alla frontiera con l’Ecuador ma, soprattutto, spingendomi oltre le paure che mi avevano “trattenuto” dal vivere, fino ad allora, quell’esperienza…

Ci sarebbe tanto tanto altro da raccontare…ma non lo farò qui! Ti rimando agli Spiragli in cui troverai tanti racconti su quello che accadde in Colombia

Leggi anche: “Perché ho lasciato il cuore in Colombia”

Un anno dopo, nuovamente, torno in Italia.

Frequento la scuola di Astrologia Evolutiva alla Casa dei Sette Raggi con Andrea Zurlini.

Leggere il mio cielo di nascita mi ha aiutato a trovare ancora nuove risposte sul mio percorso e sono oggi orgoglioso di mettere a disposizione questo strumento a chi è alla ricerca di sé.

Informazioni sull’interpretazione evolutiva del Cielo qui: Astrologia spirituale e lettura del Tema natale

Arriva l’estate del 2017 e mi trasferisco in Sicilia.

Ed è qui che si potenzia e cresce il lavoro di gruppo!

Oggi il blog ha raggiunto le 40.000 visualizzazioni mensili ed un pubblico che sfiora i 30 mila lettori, ogni mese.

E si è arricchito con tanti nuovi strumenti, che trovi qui sotto:

Si è arricchito anche di nuovi autori, che sono:

Merj Tauro

Francesco Viero

Vanna Ivone

Grazie di cuore per aver letto la mia storia!

Se è la prima volta che capiti su Spiragli di Luce, lascia un like alla Pagina Facebook: rimarrai così aggiornato su tutte le future pubblicazioni!

Dicono di me

Leggi l’intervista realizzata per Il Cambiamento.it

Leggi l’intervista realizzata per Viaggiare da Soli

Leggi l’intervista realizzata per LongWalk.it

Vai alla mia pagina su Nomadi Digitali 

L’articolo che mi ha dedicato il blog In Colombia.it