Benvenuto all'impetuoso Ariete, primo segno dello Zodiaco

 Iscriviti ai nostri Feeds

Benvenuto all’impetuoso Ariete – Il primo segno dello Zodiaco

Cari amici ed amiche, questo sarà il primo di dodici Spiragli dedicati ai segni zodiacali ed alle loro caratteristiche. Iniziamo, ovviamente, da colui che apre il cammino dei 12 segni, l’impetuoso ed energico Ariete

L’Equinozio di Primavera scoccato ieri, ha dato il via all’inizio dell’anno astrologico.

È iniziato, quindi, il cammino dei segni, cominciato proprio col primo di essi, l’esuberante Ariete.

Il guerriero, l’esploratore, lo spericolato, il pioniere, il sopravvissuto, sono tutti Archetipi connessi con le caratteristiche di questo segno di Fuoco.

Prima di avventurarci nelle caratteristiche del segno, però, ci tengo a parlarti dell’Astrologia Spirituale. So bene, infatti, che tante persone sono ancora scettiche rispetto al bellissimo cammino astrologico.

Cerchiamo quindi di capire meglio quali sono le relazioni che intercorrono tra Astrologia e Spiritualità.

Sarà un ottimo inizio per questa serie di Spiragli, perché tutto ciò che inizia è collegato proprio al fantastico segno dell’Ariete!

 

C’è qualcosa di vero nell’Astrologia?

 

In un bellissimo passaggio di Autobiografia di uno Yogi, il grande Yogananda dialoga col suo maestro, Sri Yukteswar.

Quando si dimostra scettico e dice di “non credere nell’Astrologia”, il suo guru lo redarguisce, dicendogli che, di qualsiasi aspetto della vita di parli, non si tratta di “crederci” bensì di farne esperienza.

Come dire: non puoi “credere” o “non credere” nell’astrologia, la devi conoscere e sperimentare…solo allora comprenderai se qualcosa di vero c’è o no.

Lascio in sospeso questo punto ma, come potrai intuire, se ho deciso di dedicarle ben 12 articoli, è perché ho sperimentato quanto questo linguaggio possa aiutarci a comprendere aspetti di noi stessi e degli altri!

Passiamo quindi all’Ariete, adesso, ma se vuoi saperne ancora di più, ti suggerisco di leggere poi questo Spiraglio: Astrologia spirituale.

 

L’Ariete, ovvero, colui che apre il cammino

 

Ariete, pioniere, apre il cammino

 

Forti nelle convinzioni, impetuosi, coraggiosi, impavidi, inclini allo scontro e caparbi, gli individui nati sotto il segno dell’Ariete sono tra i più tenaci e combattivi di tutto lo Zodiaco.

Il segno dell’Ariete inizia il 21 marzo (quest’anno il 20) e finisce il 20 aprile. È un segno di fuoco, appartiene al modo cardinale e, come dicevo all’inizio, è il primo segno dello Zodiaco. Proprio per questo motivo l’Ariete è colui che apre nuovi cammini.

Immagina di trovarti di fronte all’impenetrabile jungla amazzonica: il Gemelli intrattiene la comitiva con le sue chiacchiere, il Sagittario enumera gli innumerevoli viaggi in cui si è trovato in una situazione del genere, il Cancro si preoccupa che tutti i membri della comitiva stiano bene…e l’Ariete?

Senza indugio alcuno, lo vedresti imbracciare il machete per farsi strada nella foresta, aprendo un nuovo sentiero come solo lui può fare.

In quanto primo dei 12 segni, l’Ariete si trova particolarmente a suo agio, quando c’è da iniziare una nuova attività. Sul lavoro può essere molto adatto, infatti, come leader di un gruppo che si occupa di percorrere una strada ancora non battuta.

Una cara amica, dirigente aziendale e nata sotto il segno dell’Ariete, mi ha confidato poco tempo fa di essere estremamente soddisfatta perché l’hanno assegnata a seguire dei progetti di start-up, cioè di piccole aziende che si lanciano sul mercato per proporre idee innovative…chi meglio di un Ariete può dirigere e dare l’impulso per un’attività del genere?

Ci sono ancora tante cose da scoprire su questo fantastico segno…ma prima di farlo…ti chiedo solo un istante, solo un attimo del tuo tempo! Dai un like alla nostra pagina Facebook, darai un meraviglioso impulso arietino per farla crescere e rimarrai aggiornato sulle nostre pubblicazioni!

 

 

Assaltiamo il castello!!!

 

analogia ariete segno zodiacale e macchina bellica

 

L’Ariete simboleggia un grande “caprone”, pronto a partire alla carica e dare poderose testate con le sue corna…non è proprio ciò che si può definire un “diplomatico”!

Ma c’è una simbologia ancora più interessante…credo che ricorderai che “ariete” è anche il nome di una macchina bellica che veniva usata nel medioevo (ed ancora prima) per abbattere portoni e ponti levatoi delle fortezze da espugnare.

I romani lo chiamavano Aries pensilis, si trattava di un grande palo che veniva scagliato con tutta la forza possibile contro gli ostacoli che andavano rimossi.

Non voglio certo qui sostenere il fatto che ogni Ariete (nel senso, stavolta, della persona) sia pronto a passare all’attacco in questo modo scellerato e violento…anche se, ti posso assicurare (avendo tanti amici nati nel segno)…se si arrabbiano…è meglio lasciarli sbollire prima di riprendere ogni discussione!

La metafora dell’aries pensilis può essere molto utile per comprende una caratteristica interiore dell’individuo Ariete, e cioè il fatto che possiede una straordinaria propensione per gettarsi su eventuali ostacoli che appaiono sul suo cammino.

Possono essere ostacoli di qualsiasi tipo: dal falciare col machete la jungla che ti sbarra il passo, passando per le difficoltà che aziende della “new economy” incontrano quando si lanciano sul mercato, fino ad arrivare a complesse equazioni matematiche da risolvere.

Non ci dobbiamo dimenticare che uno dei geni più luminosi nati sotto il segno dell’Ariete è stato Leonardo da Vinci, se pensi che si è interessato alla pittura, alla musica, alla scultura, alla scienza e (guarda che “caso”!) alla costruzione di macchine belliche, avrai un’idea di quanti nuovi cammini può aprire un Ariete evoluto!

 

“Sono bravo a iniziare le cose, un po’ meno a portarle avanti”

 

Ariete caprone astrologia

 

Questa frase riassume molto bene un tratto caratteristico dei nati tra il 21 marzo ed il 20 aprile. Hanno idee coraggiose e innovative, voglia e coraggio di portarle avanti, ma possono annoiarsi o perdere entusiasmo dopo che il loro progetto è partito.

L’Ariete è, infatti, un “iniziatore”, muove l’energia dell’inizio, ma può avere difficoltà a portare avanti ciò che ha iniziato.

In una squadra di lavoro che funziona bene, all’Ariete dovrebbe essere affidato il compito di dare l’impulso iniziale, per poi lasciare al Toro ed agli altri segni il compito di portare avanti ciò che si è iniziato.

Pensa alla natura.

Il 21 di marzo arriva la primavera (l’abbiamo festeggiata ieri!) e i semi, a riposo da alcuni mesi sotto la Terra, iniziano a nascere. L’impeto dell’Ariete spinge il germoglio fuori dalla Terra, spaccando il guscio che lo racchiude, proprio come l’aries pensilis infrange le barriere che si trova di fronte!

Dal 20 aprile, però, è il Toro che prende in consegna i germogli, che ormai sono già piantine di una certa dimensione, e si cura della loro crescita.

C’è un meraviglioso legame tra la Natura e gli Esseri Umani che fa sì che, per il principio di Analogia i nati di ogni segno siano in qualche modo “adatti” svolgere mansioni simili a ciò che avviene nei campi, nei boschi e nelle foreste.

Non è vero forse che la Vergine, col suo ordine e precisione è estremamente adatta all’opera di catalogazione e conservazione dei grandi raccolti fatti in Agosto, sotto il segno del Leone?

A settembre fai la marmellata per l’inverno, ed è proprio l’energia “verginiana” a dare la pazienza ed il metodo per questo tipo di attività!

 

L’Ariete e i viaggi, la storia, il denaro e…la difficile, ma necessaria cooperazione!

 

ariete primo segno dello zodiaco

 

Nel bellissimo libro Astrologia Esoterica di Douglas Baker troviamo tantissimi spunti per capire altri importanti dettagli dell’Ariete.

Che rapporto ha l’Ariete con il denaro

Raramente sarà un gran risparmiatore: tende, infatti, a spendere più di quanto guadagna, ma è anche vero che può avere fiuto per gli affari ed essere un ottimo imprenditore.

Quando viaggia in automobile vuole essere lui a guidare (e ciò, aggiungo io, vale anche per le care arietine del gentil sesso!), può essere abile a consultare le mappe o trovare i migliori percorsi su Google Maps. Un po’ di attenzione alla guida, giusto per placare il suo impeto, sicuramente non guasta!

L’Ariete ama i libri biografici e quelli storici. In generale, gli piace che ci sia un certo ordine gerarchico nelle cose della vita e che questo sia rispettato.

Non sempre incline a collaborare con gli altri segni, è ottimo per lui (o lei) imparare a farlo.

Può “pescare”, infatti, dal suo segno opposto, la Bilancia, l’abilità di cooperare con gli altri, riconoscendone le ragioni ed i metodi. Anche imparare ad avere pazienza può essere un’ottima idea.

La pazienza è infatti “la virtù dei forti”….ma raramente dei nati in Ariete!!!

 

Meglio un Ariete come amico che…come nemico!

 

ariete e equinozio

 

Che dire, in conclusione, sul segno dell’Ariete?

Innanzitutto che in ognuno di noi c’è un po’ di Ariete. Nel corso di questi 12 articoli in preparazione, ti spiegherò nel dettaglio come, nel tema natale, ogni segno sia rappresentato. Se anche non ci fossero pianeti (come nel mio caso), ogni segno cade in un particolare settore della vita.

Il mio Ariete in quinta casa, ad esempio, è legato fortemente al mio “impeto creativo” e spiega il perché sono bravo ad iniziare progetti artistici e creativi, ma devo impegnarmi per portarli a termine.

Non vorrei che, in nessun modo, fosse passata l’idea che l’Ariete sia un “brutto” segno: ogni segno ha le sue caratteristiche negative e positive. Nessuna di esse è immutabile, in quanto l’Astrologia, interpretata a livello alchemico, la si può leggere come un insieme di caratteristiche da esprimere nel loro lato migliore.

L’Ariete è un amico generoso, è un buon leader, è coraggioso e intrepido.

La scena della foresta amazzonica non me la sono inventata: andai per davvero, insieme ad un indigeno, nella foresta vergine, in Colombia, osservando ammirato come rimuovesse ogni ostacolo col suo machete, per nulla preoccupato della presenza di un giaguaro a poche centinaia di metri: sono sicuro che aveva qualche pianeta in Ariete, non ho dubbi a riguardo.

Il nato nel segno dell’Ariete dovrà fare attenzione a non “inventarsi” dei nemici: l’attitudine che Marte (governatore del segno) gli conferisce, potrebbe infatti “trascinarlo” in situazioni di scontro anche quando non necessario.

Come fare?

Dovrà ricordare a se stesso, con molta disciplina che i nemici esteriori non sono altro che uno specchio di quelli interiori.

È guardando dentro di sé che l’Ariete rafforzerà se stesso, diventando una persona migliore, più equilibrata e luminosa.

E con questo, caro lettore e cara lettrice, è tutto.

E se vuoi approfondire l’Astrologia da un punto di vista evolutivo, lo Spiraglio che ti suggerisco è:

Astrologia spirituale e lettura del Tema natale

 

se questo post ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici cliccando sui pulsanti qui sotto!

Commenta con Facebook

Lascia un commento