Vuoi connetterti al te stesso del futuro? Scrivi un curriculum quantistico!

 Iscriviti ai nostri Feeds

Vuoi connetterti al te stesso del futuro? Scrivi un curriculum quantistico!

Questo Spiraglio nasce da un’intuizione, un’idea che si è materializzata da un momento all’altro, proprio come le particelle dei celebri esperimenti della Fisica Quantistica. Riguarda il passato, il futuro ed un tipo particolare di curriculum: il curriculum quantistico

Di lavori, in vita mia ne ho fatti tanti. Così tanti che, alcuni, quasi non me li ricordo più.

Per un certo periodo ho “lavorato” come recruiter, ovvero nella selezione del personale. Ho scritto “lavorato”, tra virgolette, perché ad essere sincero ho semplicemente affiancato i miei colleghi che svolgevano “per davvero” questa professione.

Eppure qualche competenza in materia mi è rimasta: so come ci si presenta ad un colloquio, conosco gli errori da non fare e, ovviamente, so come si scrive un curriculum.

Bene, questo è l’antefatto.

Ripensando a tali esperienze, qualche giorno fa, ho lasciato viaggiare la mia mente tra ricordilibere associazioni. Ed è stato proprio durante questo “viaggio” che è emersa l’idea del curriculum quantistico.

Per capire di cosa si tratta, e come scriverlo, bisogna fare un passo indietro e parlare, appunto di meccanica quantistica.

 

Che cos’è la Fisica Quantistica

 

cos'è la fisica quantistica

 

Mi fa molto piacere trattare questo argomento, dato che è la prima volta, qui su Spiragli di Luce. Come sempre, te ne parlerò a modo mio, ovvero in modo semplice e senza pretese. Quello che ci interessa, infatti, è afferrare l’idea di base.

A livello microscopico, la materia assume una duplice natura: quella di particella e quella di onda.

E cioè, quanto è particella diventa, in un certo senso, “concreta” e visibile, mentre quando è onda si comporta come una “probabilità”, quindi: la probabilità di trovarsi in un posto piuttosto che in un altro.

E qui il discorso si complica.

Tra l’altro, immagino che ti starai chiedendo: si, ma cosa c’entra la Fisica Quantistica con i curriculum e la selezione del personale?

Ci arriviamo, non ti preoccupare. Segui il ragionamento, ancora per un po’.

Immagina un’automobile che si sta muovendo lungo un circuito.

La sua forma concreta, fisica è, ovviamente, l’automobile stessa, mentre l’onda corrisponde alla traiettoria dell’auto in movimento.

È come se essa diventasse “invisibile” in certi frangenti, per poi “apparire” quando tu la guardi. Se distogli l’attenzione, la macchina sparisce di nuovo.

Ma sparisce veramente? In realtà, no. Semplicemente, appunto, da “particella” diventa “onda”: percorre, cioè, quel tratto di percorso senza essere vista.

La Fisica Quantistica, in pratica, dice che esiste un potenziale, invisibile però esistente: l’automobile, nella sua realtà fisica (particella) è in dato punto mentre la osservi, ma quando diventa onda entra in un campo di probabilità (può trovarsi in un posto o pure in un altro), un campo potenziale, dove ogni posizione è possibile.

Mi hai seguito fino qui?

Se si, sei ormai vicinissimo a scrivere il tuo curriculum quantistico.

 

Il Curriculum Quantistico

 

come scrivere il curriculum quantistico

 

Chi sono?

Elvio Rocchi, ex ingegnere che ha lasciato il lavoro per andare in India e diplomarsi insegnante di Yoga, diventare un cantautore che ha pubblicato due album di pezzi propri. Vive in una grande casa in mezzo alla natura dove tiene corsi e seminari di spiritualità e crescita personale.

 

Ora, qualcuno potrebbe andarsi a leggere la mia biografia e trovare qualche incongruenza.

Beh, caro lettore e cara lettrice, tali incongruenze sono solo apparenti! 🙂

Nel mio potenziale quantistico (nell’esempio dell’automobile: la mia traiettoria) questa realtà è possibile. Nel me stesso che si esprime in funzione di onda, la “realtà” in cui vivo in mezzo alla natura ed ho pubblicato due dischi come cantautore è reale!

Il curriculum quantistico non è basato sulla tua vita attuale, in realtà generata dal passato (e dalle tue convinzioni, credenze e ricordi di esso), bensì su uno dei futuri possibili.

Voglio chiarire una cosa: non ti sto prendendo in giro!

Voglio per davvero insegnarti a scrivere un curriculum quantistico e spiegarti a cosa ti servirà farlo.

Siamo molto vicini alla meta, non temere e prosegui nella lettura.

Prima di scrivere il curriculum, abbiamo bisogno solo di fare un veloce approfondimento sul passato e sul futuro.

Ma prima ancora, rimani un secondo solo nel presente e, se questo post ti sta piacendo, dai un mi piace alla nostra Pagina Facebook: ci aiuti a crescere e rimani aggiornato sulle nostre pubblicazioni!

 

 

Il ruolo del passato e del futuro nella creazione della realtà

 

il passato crea la realtà

 

Il tuo presente è creato dal tuo passato. Questo è l’assunto di base. Se oggi fai il medico, è perché qualche anno fa, hai preso la decisione di iscriverti a medicina. Se sei sposata è perché, in un certo momento della tua vita, ti sei innamorata ed hai deciso insieme al tuo compagno di fare il grande passo.

E fin qui, il discorso fila.

Se andiamo oltre, però, e includiamo ciò che la Legge dell’Attrazione ci ha insegnato, sappiamo bene che, ancora più a monte, ogni scelta è stata determinata da una serie di informazioni e credenze in nostro possesso.

Tali credenze (pensieri, abitudini, comportamenti) sono stati creati nel passato.

Facciamo un esempio.

Un certo giorno rinunci a una qualche spesa che vuoi fare, perché reputi di non avere denaro a sufficienza. Solo un giorno dopo, fai un 6 al Superenalotto ed ecco che la spesa diventa accessibile: a quel punto compri l’oggetto dei tuoi sogni.

La stessa cosa accade nella vita: arrivano informazioni e esperienze che cambiano le tue credenze e, di conseguenza, i tuoi comportamenti.

Mi stai seguendo nel ragionamento?

La credenza di non poterti permettere la spesa, era determinata dal fatto che non eri in possesso dell’informazione della vincita.

Aprire un’attività risulterà ben difficile se possiedi la credenza che “a causa della crisi, non ci si può mettere in proprio”. Il fatto di conoscere persone a cui è andata male, confermando la credenza, peggiora le cose.

La situazione, però, improvvisamente cambia: conosci persone diverse, che a dispetto delle difficoltà ce l’hanno fatta, ed ecco che la tua credenza viene trasformata: aprire un’attività diviene ora possibile.

Se il passato crea il tuo presente (e quindi il tuo futuro), il tuo attuale curriculum, basato su esperienze del passato, non potrà che farti trovare impieghi coerenti col tuo passato.

Ma se stai leggendo questo Spiraglio è sicuramente perché vuoi creare qualcosa di diverso: ed ecco che entra in scena il curriculum quantistico.

Come scrivere il curriculum quantistico

 

Fai un elenco chiaro e dettagliato delle esperienze che vorresti vivere, professionalmente e non.

Il curriculum quantistico non ti servirà solo a trovare un lavoro diverso, bensì a diventare un essere umano migliore.

Per quanto riguarda me, andare in India e vivere in mezzo alla natura, sono solo alcuni dei desideri che ho (e se vuoi scoprire come realizzarli ti suggerisco di dare un’occhiata alla Tecnica dei 101 desideri); metterli per iscritto, “come se fossero reali” crea quantisticamente una realtà nuova e diversa.

E non ho messo a caso “come se fossero reali”, tra virgolette. Perché esse, sono reali, semplicemente, esistono per ora in funzione di onda (non di “particella“) in cui saranno anche visibili.

Tante cose sono reali ma non visibili: raggi ultravioletti ed ultrasuoniad esempio. Allo stesso modo anche le esperienze possono esistere nel potenziale, sotto forma di probabilità che aspettano solo di “collassare” nella realtà di tutti i giorni.

Quando rientrai dalla Colombia, 4 anni fa, ebbi la percezione che “un altro me stesso” fosse rimasto là. In un Universo parallelo (quantistico) non ho mai preso l’aereo di ritorno, in “questo”, che percepisco mentre scrivo, l’ho preso ed è nato Spiragli di Luce!

Tornando a noi, inserisci tutti i tuoi sogni, le tue aspirazioni ed i tuoi propositi. Non tralasciare ciò che reputi improbabile, benché desiderabile.

Infine, non dimenticare l’ingrediente segreto per far sì che il tuo curriculum acquisti valore e validità: la gratitudine.

 

Come (e a chi) inviare il curriculum quantistico

 

dove spedire curriculum quantistico

 

Quando avrai finito il tuo curriculum in forma d’onda, e sentirai che esprime a pieno le tue potenzialità compra busta e francobollo e spediscilo.

A chi?

Ma è ovvio: a te stesso!

Riceverai per mano del postino, con tanto di timbro ufficiale un messaggio dal te stesso del futuro, che ti informa sulle esperienze di vita possibile che ti aspettano nel tuo potenziale.

Scrivere un curriculum quantistico è un rituale di auto-potenziamento in cui definisci il te stesso quantistico che vuoi diventare. Non avere paura di esagerare, ci sono già troppi timori che ci frenano e ci limitano, mentre scrivi datti il permesso di esagerare.

Usa la fantasia, divertiti e, soprattutto, vivi quella situazione come se fosse accaduta, sentendone la soddisfazione, la gioia, il senso di profonda realizzazione connessa alla nuova versione di te che, te lo posso assicurare, da qualche parte nell’infinito universo delle probabilità possibili, esiste per davvero!

Pronto per scrivere il tuo curriculum?

Lascia un commento qui sotto (lo puoi lasciare col tuo account Facebook o, se non lo possiedi, nel modulo che trovi in fondo alla pagina.) per farmi sapere cosa ne pensi e, sopratutto, se lo scriverai, ricordati di tornare e commentare questo Spiraglio per farmi sapere come è andata.

Per proseguire la lettura, come sempre, ti do due suggerimenti: se vuoi entrare in uno degli infiniti mondi possibili, quello del futuro, clicca qui: Il futuro, un mondo spirituale – Visioni della Nuova Era

Se invece vuoi sapere come realizzare i tuoi progetti (quantistici…) clicca su: Guida alla realizzazione dei tuoi Desideri

Arrivederci al prossimo Spiraglio

Commenta con Facebook

3 comments

  1. …di questo passo….diventeremo…tutti…..come l’asino di Buridano..!!!!…..non sapendo….in ogni momento se essere “particella”….o “onda”….sarà complicato …prendere …”decisioni…finali” e…..senza decisioni finali….è…la ….”FINE”…..!!!

    Rispondi
  2. Interessante ed estremamente utile.
    Grazie sei sempre sorprendente. E’ una tecnica che conoscevo già: ma tu l’hai esposta e illustrata in maniera molto comprensibile e assolutamente entusiasmante.
    In pochi sanno e riescono a comprendere quanto il nostro passato influisca sul nostro futuro se non si discerne da esso e tu in poche righe l’hai fatto intuire tanto da renderlo denso di significati da analizzare.Grazie grazie grazie

    Rispondi
    • Che conoscevi già la tecnica non so come sia possibile…l’ho inventata io 🙂 🙂
      A meno che qualcuno non ci abbia già pensato…magari…in qualche dimensione parallela!!! 🙂
      …comunque, sono contento che ti sia piaciuta! Un abbraccio 😀

      Rispondi

Have your say