Perché è controproducente indignarsi per i sacchetti bio a 2 centesimi - Un punto di vista Spirituale

 Iscriviti ai nostri Feeds

Perché è controproducente indignarsi per i sacchetti a 2 centesimi – Il punto di vista Spirituale (con Soluzione)

A partire da ieri sera, la tematica dei sacchetti biodegradabili a 2 centesimi ha fatto (ancora una volta) infuriare il web. Voglio fornire in questo Spiraglio un punto di vista spirituale, consapevole che sarò una voce fuori dal coro, nel tentativo di portare consapevolezza su questa vicenda. Fornendo anche, sul finale, una soluzione alla portata di tutti

Dopo due anni di vita in sud America, tornare in Italia è un brutto colpo. Non perché l’Italia non sia bella, anzi, pè un paese stupendo. È l’aria che si respira che è pesante. Voi ci siete immersi fino al collo, e magari non ve ne rendete conto. Almeno, non tutti. Ma per chi come me è stato all’estero, tornare è veramente difficile. 

Perché? Per l’aria di indignazione continua e di disillusione cronica che si respira senza sosta.

All’italiano piace la polemica, c’è poco fa fare. Gli piace polemizzare, scontrarsi (per fortuna, quasi sempre, solo a parole) e, rullo di tamburi, indignarsi.

Indignarsi è diventata una moda all’ultimo grido nella penisola. Se non ti indigni non sei italiano. L’ultima indignazione, in termini cronologici, è quella dei sacchetti bio nei supermercati, che col loro temibile prezzo di 2 centesimi (qui un articolo tratto da IlGiornale.it) metterebbero a repentaglio l’economia delle famiglie italiane.

Ti dico la mia, come sempre, dandoti un punto di vista spirituale su questa vicenda.

 

Indignarti ti fa perdere energia

 

l'indignazione fa perdere energia

Quando ti indigni, ti stai dichiarando sconfitto dal mondo, dalla realtà che ti circonda. Stai gridando a gran voce: “qualcuno detiene il potere, io lo subisco passivamente!”

E l’Universo ti accontenta, spostandoti immediatamente sulla linea della vita in cui il potere, invece di esercitarlo, lo subisci.

Si potrebbe obiettare: “non è vero, l’indignazione serve per agire e cambiare le cose”. Diciamo che dipende. E cioè: dipende come agisci dopo esserti indignato.

Se la tua indignazione dà come unico risultato quello di lamentarti su Facebook, allora, starai sprecando ancora più energia. Se invece la tua azione ti porta a trovare una soluzione, in tal caso (e solo in tal caso) si, starai creando qualcosa di evolutivo.

Come recita un famoso adagio:

O trovi la soluzione, o sei parte del problema Condividi il Tweet

E una soluzione al “problema” dei sacchetti biodegradabili a 2 centesimi c’è! Abbi pazienza e segui il ragionamento che voglio esporti, te ne parlerò a breve.

 

La polemica alimenta il corpo di dolore collettivo

 

polemica alimenta il corpo di dolore

 

Se la tua azione (che, in realtà, dal punto di vista esoterico, è una re-azione) si traduce in commenti pieni di rabbia sui Social, quello che stai creando è fomentare quello che Echart Tolle chiama il “corpo di dolore collettivo”, l’insieme delle reazioni emotive negative di tutta la nazione.

Ogni nuovo commento contro i temibili sacchetti biodegradabili a 2 centesimi, contribuisce ad esacerbare il clima di vittimismo già sufficientemente esasperato nel nostro paese. E per la legge di attrazione, sappiamo bene che chi riveste il ruolo della vittima finirà col diventarlo sempre di più.

L’indignazione è, inoltre, un sentimento rivolto verso l’esterno e mai verso l’interno: la colpa è sempre degli altri e mai di chi si sente indignato.

A livello alchemico e spirituale, questa è una tremenda trappola

Non ti consideri parte di un organismo, neghi la responsabilità individuale, credi che senza il tale politico, legge o partito, vivresti libero e felice.

Tutto ciò fa parte della grande illusione, la grande Maya degli induisti, di cui gran parte dell’umanità è ancora vittima. Se una sola persona si sente vittima, la diventerà. Ma se un milione, 10 milioni di persone si sentono tali, ecco che creeranno una realtà collettiva condivisa di vittimismo e schiavismo, in cui ci sarà chi governa e controlla e chi subisce le decisioni in silenzio.

 

Indignandoti per i sacchetti biodegradabili a 2 centesimi, crei la tua povertà

 

crei la tua povertà

 

Come ragiona l’Universo?

Voglio subito spiegarti questo principio ma prima ti chiedo solo un istante del tuo tempo: dai un mi piace alla nostra pagina Facebook, aiuterai il nostro blog crescere e rimarrai aggiornato sui nostri contenuti

 

 

Possiamo dire che l’Universo non giudica e non punisce. Semplicemente restituisce in forma concreta il messaggio di informazione energetica che gli stai inviando, secondo il principio “A chi ha sarà dato, e vivrà nell’abbondanza. A chi non ha sarà tolto anche quello che ha” (Mt, 13,12).

Se ti lamenti per i sacchetti biodegradabili a 2 centesimi è come se stessi gridando a gran voce (anzi, non è “come se”, è proprio così) “hey, per me anche 2 centesimi sono importanti, sono povero, toglietemi tutto!”

Sembra un meccanismo crudele ma, in realtà, è un semplice meccanismo.

La forza di gravità non è né buona, cattiva: ti puoi suicidare lanciandoti da un ponte o volteggiare sulle colline, meravigliandoti di stupore, sul tuo parapendio. Lo stesso accade per la legge di attrazione: attiri ciò che pensi, che senti e che sei. Quindi attenzione alla lamentela.

 

Ma non sono i 2 centesimi…è una questione di principio!”

 

sacchetto bio frutta a 2 centesimi

Non credere che io non capisca che ci sono anche delle ragioni valide dietro a questa presa di posizione. Certo che ci sono. Ma il punto, caro amico e cara amica che mi leggi, è che è tutto il sistema in cui viviamo che è profondamente sbagliato e squilibrato.

Ti focalizzi sul sacchetto biodegradabile a 2 centesimi e protesti (con chi? su Facebook? A che serve?) quando potresti chiederti se sia sostenibile che milioni di camion solchino le autostrade di tutto il mondo, inquinando aria, acqua e terra.

È sostenibile che si deforesti l’Amazzonia e i boschi del nostro paese per piantare infinite monoculture per alimentare persone che vivono nelle grandi metropoli?

Il modello del supermercato, prima o poi, finirà. Non è pensabile con l’aumento della popolazione mondiale pensare di vivere in grandi città dove non si produce nulla e si riceve il cibo dalle campagne. Cosa accadrà quando finirà la benzina? E se dovesse esserci un black-out prolungato?

Poniti queste domande anziché pensare ai sacchetti biodegradabili per la frutta e la verdura.

Però, insisto che delle ragioni ci sono, e ti ricordo che avevo detto che una soluzione c’è.

 

Comprare dai G.A.S. – Gruppi di Acquisto Solidale

 

gruppi-acquisto-solidale

 

In tutta Italia sono presenti i Gruppi di Acquisto Solidale: si compra dai contadini e dai produttori del territorio, facendo acquisti sostenibili, a km0, spesso biologici, si incrementa l’economia locale e, rullo di tamburi, nessuno ti farà pagare i famosi 2 centesimi dei sacchetti.

I prodotti vengono infatti consegnati in cassette di frutta e verdura, che ovviamente possono essere riutilizzate rendendo il meccanismo ancora più ecologico.

Tante persone mi dicono “beato te che hai un orto, mi piacerebbe coltivarlo ma non ho tempo”. Ecco una soluzione: iscrivendoti al G.A.S. puoi comprare prodotti genuini, anche senza avere un orto.

Sarà sufficiente digitare su Google “Gruppo di acquisto solidale” seguito dal nome della tua città.

A titolo di esempio qui trovi il link alla rete nazionale dei gruppi di acquisto: Economiasolidale.net

Io stesso sono iscritto al G.A.S. da vari anni e posso testimoniare che è un ottima soluzione…priva di buste della spesa a pagamento! 🙂

 

In Conclusione…

 

Attenzione alla lamentela, attenzione alle reazioni facili, attenzione a ciò che fai e dici, perché ciò si ripercuote sulla realtà collettiva di cui anche tu fai parte.

Qui di seguito ti indico alcune letture per approfondire ulteriormente le tematiche che ho trattato.

Se questo post (sugli ormai famigerati sacchetti biodegradabili a 2 centesimi) ti è piaciuto e lo consideri un punto di vista valido, condividilo su Facebook, cliccando, qui sotto sul pulsante condividi

 

Per proseguire la lettura:

Sulla Legge di attrazione: Legge di Risonanza o di Attrazione: come funziona?

Il mio punto di vista sul nostro paese: Perché tornare ad Amare l’Italia

Alternative sostenibili: Un mondo migliore è possibile? – la Permacultura

 

Arrivederci al prossimo Spiraglio

Elvio Rocchi


Acido Jaluronico - Sodio Jaluronato
Idratante, anti-disidratazione, antiage
€ 4.8

Semi di Zucca
Decorticati, da agricoltura biologica
€ 2.99

Zeolite - Elkopur 312® + Montmorillonite
Per 30 giorni-Elimina metalli pesanti, radioisotopi, tossine, istamina
€ 32

Commenta con Facebook

1 comment

  1. GRAZIE

    Rispondi

Have your say