Comments ( 8 )

  • Marianna

    Wow davvero un articolo stupendo …complimenti…
    Non oppongono resistenza ai pensieri quando arrivano soprattutto se negativi …cerco di osservarli bene…accogliendo le sensazioni che mi trasmettono…

    • Elvio Rocchi

      Grazie mille per questo primo pensiero Marianna!
      Quello di cui parli è “l’esercizio principe” a mio avviso…osservarli per poi trasformarli. Grazie e un abbraccio di luce per te 🙂

  • fulvialuna1

    Non smetto mai di pensre,elaborare, ricordare…come si può imbrigliare il pensiero? Neanche il coma me lo impedito, anche se inizialmente limitato con i vupti di memoria.

  • Bea

    Ciao Elvio!!
    Io voglio andare oltre la paura attraverso il dialogo, il raccoglimento e l’iniziativa di conoscenza.
    Grazie per i tuoi Spiragli, a presto!!
    Corro a iscrivermi alla Community!! 😉

  • Aurore2014

    Caro Elvio, spesso desidero spegnere il cervello perché un’infinità di pensieri mi assalgono, si rincorrono, si sovrappongono creandomi ansie, sofferenza, paure e addirittura malesseri fisici ma è davvero difficile per me riuscire allontanarli. Ci riesco solo quando viaggio: allontanarmi dal mio ambiente, dalle solite persone, anche dal “dovere” se vuoi, mi fa sempre un gran bene. Quando viaggio riesco a “staccare la spina” davvero, gusto ogni momento, mi sento diversa ma vera, anche se un po’ Alice nel paese delle meraviglie, osservo tutto e tutto mi aiuta a star bene… però non posso permettermi di viaggiare quanto vorrei. A volte lo faccio con la fantasia e quando ci riesco per qualche momento riesco a rilassarmi, ma in questo caso si tratta solo di una breve pausa per riprendere fiato, niente di risolutivo. Mi piace molto il tuo blog. Grazie per i bellissimi post.

  • Gabriella Fugazzotto

    La mattina appena sveglia, per me è un momento sacro: un pò di stretching e yoga, salutare il sole che sorge ed il nuovo giorno ma soprattutto almeno quei 5-10 minuti di “meditazione”: chiudo gli occhi, ascolto il mio respiro ed i segnali del mio corpo, ripenso magari ai sogni della notte passata, alle emozioni e al turbinio di sensazioni che ogni giorno il mondo in cui vivo mi fa scaturire, vuoi o non vuoi. Non possiamo isolarci dall’ambiente. Ma possiamo imparare a “trovare la nostra centratura” nonostante l’ambiente esterno, aumentare la nostra “resilienza”. In meditazione, osservo tutto questo senza giudizio. Rallentano i pensieri…il silenzio e la luce guariscono, elaborano e trasformano…il cuore ritrova la sua energia e la mente si rimette al suo posto, al servizio del cuore. Namastè

    • Elvio Rocchi

      Che bel pensiero cara Gabriella, grazie 🙂 p.s. ho apprezzato tantissimo la parola “resilienza”…capacità di adattamento, di auto-guarigione… Namasté

  • minecraft

    Pretty great post. I just stumbled upon your weblog
    and wished to mention that I’ve really enjoyed surfing around your weblog posts.
    In any case I’ll be subscribing in your feed and I’m hoping you write once more soon!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.