Nulla accade per caso - Spiragli di Luce, Blog di Crescita Personale

 Iscriviti ai nostri Feeds

Nulla accade per caso

Nulla accade per caso. O forse si? Le cose avvengono per una ragione o dietro agli avvenimenti della vita non si nasconde altro che la casualità?

Oggi proveremo a rispondere a questa domanda (che vedo apparire spesso) e vedere se è proprio vero, oppure no, che nulla accade per caso. 

Forse ricorderai che, un paio d’anni fa, pubblicai uno spiraglio dal titolo Le cose accadono per una ragione. Questo post è quindi una specie di sequel, in cui andremo a rafforzare ed approfondire questo concetto.

 

Fortuna, sfortuna o…altro?

 

Ti voglio parlare di un caso personale.

Qualche anno fa, col mio gruppo musicale, i Mille Papaveri Rossi, un tributo Fabrizio De André, andammo a suonare in Spagna. Niente di eccezionale, una mini-tournée di cinque concerti, che però ci diede un sacco di soddisfazioni.

Suonammo per una manifestazione di italiani all’estero chiamata Lo sbarco della nave dei diritti. Si trattava di una manifestazione in cui mille italiani si imbarcavano da Barcellona Genova per protestare contro la situazione politica e la mancanza di prospettive nel nostro paese. Condividendo il manifesto dell’iniziativa, contattammo gli organizzatori e dopo vari scambi di e-mail fummo “arruolati” nell’avventura.

Ricordo ancora quel mojito appena arrivati, il concerto a Barceloneta, le amicizie, gli amori, l’altro concerto suonando per strada poi quello a bordo della nave, quello al Porto Antico di Genova… insomma, un’esperienza indimenticabile.

A proposito, vuoi vedere un video di quei giorni? Eccolo!

 

 

E vengo al punto: alcune persone, quando glielo raccontavo, dicevano che avevamo avuto fortuna. 

Non potevo negarlo, effettivamente. Però, in fondo in fondo, devo dire che quella parola mi dava anche un po’ di fastidio. 

Perché io sapevo il tempo e le energie passate a organizzare tutto nei minimi dettagli, le ore passate al telefono, i compiti che ci eravamo diviso: tu prenoti l’aereo, guarda il sito di Ryan Air per trovare le offerte eh? Mi raccomando! E poi le prove, il modo in cui da soli e utilizzando solo la mia abilità nel parlare spagnolo (…sono ironico…era il 2010…e lo masticavo solo un po’…quelle chiamate internazionali assomigliavano più a una tortura che a una telefonata normale) avevamo trovato un concerto aggiuntivo rispetto a quelli offerti dagli organizzatori.

In tutto questo eravamo riusciti al volo anche a stampare un cd e venderne 80 copie, il che aveva ripagato ampiamente tutte le spese scoperte.

Cosa voglio dire con questa storia?

Che a mio avviso più che la “fortuna” c’era di mezzo la nostra passione e l’entusiasmo per voler partecipare a questa esperienza. C’era di mezzo il crederci e il sentire interiormente che, in fondo, ce lo meritavamo. Non mi sto dando delle arie, eh? Eravamo semplicemente cinque musicisti con la passione per l’arte nel sangue, vivevamo a Bologna, ci divertivamo insieme, amavamo il nostro gruppo e il nostro lavoro.

Per quale motivo non ce l’avremmo dovuta fare? 

 

Quando è l’Universo a metterci lo zampino

 

un lago a forma di cuore, per l'articolo niente succede per caso

 

Quindi tutto dipende dalla nostra volontà dedizione?

Non solo. Se così fosse, sarebbe una motivazione un po’ debole per sostenere che nulla accade per caso. 

Pochi giorno fa ho visto un video in cui la Dott. Erica Francesca Poli raccontava una storia molto interessante.

Due giovani donne si incontrano in un corso condotto dalla dottoressa, una delle due aveva una relazione “spenta” col marito, relazione in qualche modo già morta, ma che nessuno dei due si decideva a lasciar andare. L’altra si era sempre riconosciuta omosessuale ma non aveva avuto il coraggio di manifestarlo apertamente. Finito il corso, le due diventano amiche, fino a che, una delle due, decide di dire esplicitamente all’altra: “tu mi attrai“.

E così, a dispetto di tutto, nasce un amore. Quella sposata lascia il marito e va a vivere da lei.

Sembrerebbe tutto perfetto se non che, dopo poco entrambe vengono licenziate. Anziché disperarsi, decidono di seguire il flusso e se ne vanno in Grecia, dove trovano lavoro in un bar. 

Senza biglietto di ritorno. Dicono “vediamo cosa succede”. 

Di nuovo tutto sembrerebbe perfetto, se non che una delle due, per far fronte alla causa di separazione, è costretta a cercare lavoro. Non trova niente fino a che il suo ex capo la chiama e le offre di lavorare con lui. E non solo, decide di pagarle in anticipo gli stipendi. C’è solo un problema. L’altra ragazza rimarrebbe così in grecia…lontana dal suo amore…ma, guarda un po’ che sincronicità, riceve pure lei una telefonata e viene assunta a Milano. Così possono rientrare insieme. 

Come dire: la montagna è andata da Maometto. 

E cosa ci mostra questa storia? In che modo fa vedere che nulla accade per caso? 

Lo fa vedere perché quando iniziamo a rimuovere i blocchi, quando iniziamo a mettere da parte i “se” e i “ma” che ci dice la mente, ci inseriamo in un flusso. In questo magico flusso di solito è proprio Dio, l’Universo o, al di là del nome che gli si vuol dare, un principio divino e intangibile che sta oltre l’apparenza che ci mette lo zampino. E ci mostra, appunto, che nulla accade per caso. 

Se vuoi sentire il racconto direttamente dalla voce della dottoressa Poli, ecco il video (lo troverai al minuto 43)

 

 

Il copione che si ripete

 

Il copione che si ripete (…che non è uno scolaro che copia tutti i giorni i compiti del compagno di banco…) si riassume nella famosa esclamazione: “perché sempre a me?!” 

Infatti, se iniziamo ad osservare la nostra vita con attenzione, ci accorgeremo che ci sono alcune esperienze, alcuni tipi di persone o situazioni, alcune concatenazioni di eventi che si ripetono.

Ad esempio, anni fa a me succedeva che mi venissero confermate attività che regolarmente venivano poi disdette cancellate. Accadeva tanto in ambito professionale che sentimentale.

Tipo: cercavo un concerto? Sudavo sette camicie per ottenerlo? Alla fine il direttore artistico mi dava la tanto agognata conferma. Settimo cielo per la contentezza, ma dopo pochi giorni arrivava la contro-telefonata: per problema y, il concerto non si faceva più. Mi piaceva una ragazza? Idem. La corteggiavo, lei si faceva corteggiare. Mi lasciava il numero. La chiamavo. Rispondeva. Le proponevo di uscire. Diceva di si. Arrivava il giorno dell’appuntamento, saltava fuori un impegno dell’ultima ora o un imprevisto e la tipa in questione diventava desaparecida”.

Come mai accadeva tutto questo?

 

sole sopra le nuvole, post dedicato al caso che non esiste

 

In genere dentro di noi c’è un particolare tipo di energia aggregati psichici emozionali. 

Questi “attirano” un certo tipo di situazioni piuttosto che altre. Se vuoi approfondire il concetto ne parlo in questo post sulla legge di attrazioneSe lo vuoi approfondire ancora meglio, a fine post te ne suggerirò pure un altro sulla legge dello specchio. 

Cosa ci mostra il “copione che si ripete”? 

Ci mostra, ancora una volta che nulla accade per caso, che tutto accade per una ragione. La dea bendata non esiste. Costruiamo la nostra realtà sulla base delle nostre emozioni ed esperienze pregresse e la limitiamo sulla base delle nostre credenze limitanti. 

Non sempre siamo coscienti del tipo di realtà che stiamo creando. Ma indipendentemente dal fatto di saperlo o mano, ci stiamo fabbricando da soli la realtà in cui viviamo. Come dire, appunto, che nulla accade per caso.

 

In conclusione

 

Per concludere, caro mio e cara mia, ecco qui il link al post sulla Legge dello Specchio. Se questo ti è piaciuto, puoi dargli un mi piace

Scegli su quale social dare mi piace...o dalli tutti e tre!!!

e prima di salutarti, voglio che tu sappia che ci sono le prossime date dei Workshop di Spiragli di Luce: a Roma il 27 novembre e a Milano il 4 dicembre…

…voglio anche farti sapere che è uscito il mio primo e-book, è gratuito e lo puoi scaricare semplicemente iscrivendoti alla newsletter. Racconta di quello che senti prima di partire per un viaggio e della magia che si scatena quando poi parti, ne parlo in questo post: “Apro gli occhi e parto”Se lo vuoi scaricare clicca sull’immagine qui sotto

 

apro gli occhi e parto e book

 

arrivederci al prossimo spiraglio

 

 

Commenta con Facebook

Lascia un commento