Iscriviti ai nostri Feeds

Viaggio in moto in Colombia, le bellezze della Cundinamarca (foto-spiraglio)

Cari amici ed amiche,

da ormai un po’ di tempo muoio dalla voglia di scrivere un bel post di viaggio…e dopo le bellissime esperienze di oggi e di ieri…ho il materiale giusto per farlo!

È tanto che non scrivo un post del genere e mi sento emozionato… non vedo l’ora di ripercorrere, verbalmente ed attraverso le immagini, questa ultime fantastiche 48 ore. Ci tengo anche (dopo più di tre anni di viaggi e di persone che me lo chiedono) di inserire un piccolo commento sul fatto che viaggiare in Colombia sia o meno pericoloso…rimando a fine post per questo punto.

Sono partito martedì scorso da Bogotà, in direzione occidente. Preso l’ultimo caffè prima della partenza, mi sono diretto nel garage dove da un po’ di tempo alloggia la mia moto…e sono partito. Attraversare tutta la megalopoli colombiana ha richiesto circa un’ora e forse qualcosa di più. Ammetto di essermi perso un paio di volte, ma non è stato affatto difficile trovare la strada: Bogotà è circondata dalle montagne ad est….ed io dovevo andare ad ovest. Niente di più facile.

Raggiunta la periferia nord-occidentale, ho imboccato la lunga strada che conduce a Medellin. Avendo solo quattro giorni a disposizione, ho optato per un piccolo giro, giusto per conoscere i paesini della regione di Bogotà, che si chiama Cundinamarca.

È sicuro viaggiare in Colombia? Presto su "spiragli di luce" la risposta!

 

Hey ma…che succede…si è forse aperto un varco spazio-temporale e sono arrivato senza volerlo in California?? Niente affatto cari amici e care amiche…San Francisco è un piccolo paese poco fuori Bogotà, poco meno di un’ora dai limiti occidentali della periferia della capitale.

Viaggiare in sud America in moto è meraviglioso, scopri come farlo!

Ed eccoci arrivato a La Vega. Curioso che vicino a San Francisco ci sia La Vega vero? Però occhio…La Vega…cioè senza “s”, quindi, non ci si può sbagliare. Ah, a proposito, lei (la moto) si chiama Daisy.

Hotel Ostelli Alberghi Colombia

E questo è il posto in cui ho dormito. Bellino, spartano, economico e silenzioso… un po’ fuori dal paese…la moto ti permette questo bel lusso. Poi è arrivata la mattina, sono partito da La Vega in direzione Villeta. Un insetto strano ad un certo punto, ovviamente nell’unico istante in cui ho alzato la visiera del casco, ha pensato bene di entrarmi nell’occhio. Ma tutto bene.

Una volta arrivato a Villeta, che già conoscevo, ho proseguito, direzione Guaduas. La pausa che non ho fatto a Villeta, l’ho fatta lungo la strada…

Caffè colombiano, il migliore del mondo

la scritta, riferita al caffè dice: “provalo, ti sorprenderà”…beh…non mi sono certo fatto pregare…

…poi ho proseguito…poco prima di arrivare a Guaduas vendevano queste bellissime e coloratissime amache

Amache Artigianato Colombia, sono favolose le cose che si possono comprare

ed eccomi finalmente a Guaduas…come in ogni piazza colombiana che si rispetti c’è almeno un cane a prendere il sole…

Blog di crescita personale, sviluppo della coscienza, meditazione e viaggio, "Spiragli di luce"

 

Cibo e ristorazione in Colombia, ecco un "almuerzo ejecutivo" o "corriente"

il tipico “almuerzo” (pranzo) colombiano non poteva certo mancare… ovviamente nella versione da me preferita, quella vegetariana

si fa la raccolta differenziata in sud america? A volte si!
se per caso qualcuno dubitasse che in Colombia si fa la raccolta differenziata…beh…miei cari…siete in errore.

Poi sono andato alla ricerca del tetto da mettermi sulla testa…ed ho trovato un alberghetto economico e felino-munito proprio nella piazza principale del paese

amore per i gatti, ovunque vado ne trovo uno!

Come tutti i felidi ha fatto il sostenuto per un po’…anzi, LA sostenuta, era un felide femmina…e poi è immancabilmente crollata sotto il mio irresistibile fascino…

È sicuro viaggiare in Colombia? A breve tutte le risposte

Blog di viaggio, meditazione e crescita personale, Spiragli di luce

Ed ecco il “parque”, la piazza principale di Guaduas. Dopo aver sistemato le mie cose ho deciso di andare all’avanscoperta dei dintorni. Avevo lasciato parcheggiata Daisy proprio lì sotto, quindi non appena liberato lo zaino del superfluo, mi sono gettato alla ricerca del MIRADOR di cui mi avevano parlato…un meraviglioso punto panoramico…

ed ora ti chiedo solo un attimo del tuo tempo per dare un mi piace a questo post. Per te è un semplice gesto, un solo click del mouse…ma per me è molto importante. GRAZIE!

Scegli su quale social dare mi piace...o dalli tutti e tre!!!

Le bellissime case dei campesinos colombiani

le case lungo la strada che conduce a la bellissima PIEDRA CAPIRA, non vedevo l’ora di arrivare…

Percorrere le strade in sud America affittando moto o macchina

Carico lungo e largo“….per un attimo ho temuto che una balla di fieno. mi travolgesse…

…e poi ho finalmente trovato la strada (ehm…diciamo il sentiero) che conduce alla PIEDRA CAPIRA…solo che…

Viaggio solitario, zaino in spalla, in Colombia

ehm…si…strada chiusa.

Per fortuna ho trovato un “campesino” (contadino) che mi ha indicato la strada. Gli ho dato un passaggio in moto, per sdebitarmi delle innumerevoli volte in cui ero appiedato e lo diedero a me…

…la PIEDRA CAPIRA era sempre più vicina… e finalmente….

il meraviglioso paesaggio della Piedra Cabira, Mirador, Colombia

…l’immenso….

Consigli per viaggiare in sud America ed in Colombia

itinerari turistici, cosa vedere in Colombia

ma credo che nessuna foto potrà rendere l’idea di cosa si è parato di fronte ai miei occhi oggi. Per questo ho girato anche un piccolo video…

…e poi è arrivato il tramonto…

Cosa vedere in Colombia, cosa visitare

era l’ora di tornare verso Guaduas… il paesino in cui alloggiavo… e che ho trovato in fibrillazione per la partita della Colombia…

La passione dei colombiani per il calcio

…ebbene si, ero ancora stordito da tanta bellezza…ma non ho rinunciato a farmi una bella birretta e a vedermela…

In molti mi chiedono se sia sicuro viaggiare in Colombia o se, invece sia pericoloso. Beh, cari amici…credo proprio che a breve scriverò un post su questo argomento. Nel frattempo posso dirvi che, come capirete da questo articolo, ci sono ampi margini di sicurezza per viaggiare tranquilli e vivere esperienze stupende. Ciò nonostante, ci vogliono alcune precauzioni a cui, appunto, mi dedicherò in uno scritto nel futuro prossimo.

E insomma… come sempre GRAZIE per essere passato da qui. Vediamo come prosegue il viaggio. Ho ancora a disposizione due giorni, prima del rientro a Bogotà. Se vuoi vedere come è proseguito il viaggio, puoi proseguire la lettura e scoprire la bellezza del salto de Versalles, di Honda e di Mariquita puoi cliccare qui

Se questo articolo ti è piaciuto, come sempre, dagli un “mi piace” e condividilo con i tuoi amici, usando i pulsanti qui sotto….CIAO!

Commenta con Facebook

5 comments

  1. Viaggio avventuroso tra strade chiuse e “gatte” ammaliate dal tuo fascino 😉 🙂
    Bella esperienza e cher luogo magico Piedra cabira, davvero l’immenso.
    E il tramonto ha sempre il suo fascino.
    Ti dico solo una parola che esprime la gioia che mi hai dato: grazie.

    Rispondi
    • Sono stati giorni fantastici…oggi sono tornato a Bogotà, dato che domani abbiamo l’incontro di meditazione…ma poi RIPARTIRÒ! La Piedra Cabira è un luogo meraviglioso, fuori dagli itinerari turistici e poco conosciuto dagli stessi colombiani. Grazie come sempre per i tuoi bei commenti cara, a presto!

      Rispondi
  2. Ma non posso mettere mi pace…non c’è l’icona 🙁

    Rispondi
    • Certo che si cara Penelope, c’è l’icona di Facebook, Twitter e Google+ per il mi piace, la trovi a metà ed a fine articolo 😉

      Rispondi
  3. Pingback: Italiani in Colombia: Elvio da ingegnere a blogger - InColombia.it

Lascia un commento